Vittoria nel girone Lombardia.E ora finali nazionali.


Nemmeno il tempo di festeggiare la vittoria nel Torneo Monte Marenzo di domenica scorsa , ed il calendario ci proponeva le ultime due sfide di regular season , da non fallire per ottenere anche quest'anno il primo posto del girone.
I cinghiali non hanno tradito nemmeno stavolta ed hanno portato a casa due nette vittorie.

Allenatore :

Marzio Bertuzzi

Convocati :

Cleto Mazza (P) , Sebastiano Parisi (C) , Fabrizio Bortoli(P) -
Jacopo Ghislanzoni , Alessandro Capitani , Rocco Volpe , Stefano Sirtori -
Nicolo' Dominici , Alessandro Mazzolini.

Nella mattinata , il confronto contro Geas Sesto S.G. era gia' chiuso dopo nemmeno dieci minuti , con i varesini che hanno bucato a ripetizione la porta avversaria.
Il primo parziale e' terminato sull' 11 - 2 , con gloria sul tabellino per tutta la squadra.
Il secondo tempo e' scorso via veloce con la difesa che ha allentato un po' la presa , costringendo Bortoli , alla sua seconda presenza in stagione , a faticare piu' del previsto.
Ci hanno pensato gli attaccanti Ghislanzoni , Capitani , Mazzolini e Sirtori a gonfiare il tabellino fino al 20 – 6 finale.
Marcatori : Parisi 1 - Ghislanzoni J. 5(5) - Capitani 3(4) - Dominici 3(1) - Volpe 2(2) - Sirtori 4(1) - Mazzolini 2(1).

Anche il match pomeridiano contro i milanesi dello Spartak non ha presentato problemi.
Forse svuotati dalla sconfitta in mattinata e senza piu' poter migliorare il 3° posto finale , sono stati messi sotto dal primo all'ultimo minuto.
Il primo tempo , finito 6 a 0 , racconta di un dominio netto con la linea Volpe , Dominici e Sirtori imprendibile per i milanesi.
La ripresa ha solo sancito la netta vittoria di Varese , che ha chiuso sul 10 a 2 con Parisi in versione assist man per i compagni ed un Mazza che ha chiuso la porta con alcune parate eccezionali contro l'unico power play concesso.
Marcatori : Mazzolini 1 - Ghislanzoni J. 3(1) - Sirtori 3(1) - Capitani 2(0) - Dominici 1(3) - Parisi 0(4).

Adesso appuntamento a Roma a meta' aprile per provare a difendere il titolo.

Autore: Marzio Bertuzzi